logo

Retail Lab: nasce il centro di ricerca sulla distribuzione dell’Università di Parma

in Food Retail

Come funziona la distribuzione? Come si comportano i consumatori? Sono domande molto importanti che ogni azienda dovrebbe porsi nel momento in cui lancia un prodotto o servizio. E proprio a questi quesiti di strategica importanza per l’economia cerca di dare una risposta il Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma, che a febbraio ha avviato un nuovo centro di ricerca proprio focalizzato su queste tematiche, il Retail Lab.

“Si tratta di un laboratorio universitario focalizzato sulle problematiche di frontiera relative a retailing e rapporti con la domanda finale”.

Il progetto nasce dalla lunga esperienza dei ricercatori dell’Università di Parma, impegnati da anni presso alcuni dei più importanti gruppi industriali e distributivi nello studio delle innovazioni che influiscono sulla distribuzione. Obiettivo finale: fornire alle imprese degli strumenti, dei modelli applicativi tesi a creare valore attraverso moderne politiche commerciali.

Sono ampi e vari i filoni di analisi seguiti dal Retail Lab di UniPR:

  • Digital marketing;
  • Loyalty Marketing e CRM;
  • Neuromarketing e processi decisionali;
  • Innovative store promotion;
  • Branding distributivo;
  • Marketing nutrizionale;
  • Modelli statistici avanzati applicati per le vendite;
  • Innovative store format e comportamento dello shopper in punto vendita;
  • Sviluppo e gestione delle categorie shopper-driven

Fra i maggiori settori cui si rivolge l’attività di ricerca del Retail Lab di UniPR c’è l’alimentare, senza dubbio uno dei più importanti per il Made in Italy e, in particolare, per il territorio in cui si inserisce l’università, la cosiddetta “Food Valley”.

retail lab di parma e food marketing

È inoltre interessante notare come fra i filoni di analisi seguiti ci sia il “marketing nutrizionale”: in sostanza il Retail Lab studia le azioni che istituzioni pubbliche da un lato e imprese dall’altro possono intraprendere per influenzare le scelte alimentari benefiche per la popolazione.

Altro elemento molto importante per il settore agroalimentare italiano è l’attenzione rivolta dal laboratorio all’internazionalizzazione. In un’economia che funziona anche e soprattutto per l’export, è importante aprirsi ai mercati internazionali con una strategia di sviluppo attentamente pianificata.

Che dire, quindi, la nascita di questo centro di ricerca testimonia ancora una volta l’importanza della comprensione dei meccanismi di distribuzione per il successo di aziende e di interi settori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campo obbligatorio