logo

Il Future Food Institute di Bologna presenta la Food Innovation Global Mission

in Food News

il programma food innovation di bologna

Il 12 maggio prende il via il giro del mondo della food innovation con 16 giovani ricercatori.

Il Future Food Institute di Bologna – organizzazione no-profit impegnata nella ricerca, nella promozione e nella formazione nell’ambito dell’innovazione nel settore agroalimentare – ha presentato a Roma un nuovo, importante progetto legato all’innovazione nel mondo del food. Si tratta della seconda edizione di “Food Innovation Global Mission”, un’iniziativa che vanta il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e che si concretizza grazie al coinvolgimento di una delegazione del Food Innovation Program, master internazionale di secondo livello organizzato da Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Future Food Institute di Bologna e Institute For the Future di Palo Alto.

Che cos’è il Food Innovation Program?

Il Food Innovation Program è un Master internazionale che ha come obiettivo quello di formare persone in grado di sviluppare innovazioni nella filiera agroalimentare, di creare nuove imprese e di strutturare processi di modernizzazione in imprese esistenti.

Il programma, ora alla sua 3° edizione, coinvolge young professionals e ricercatori provenienti da tutto il mondo e prevede un periodo di studio preparatorio in Italia, che si svolgerà tra Reggio Emilia e Bologna, e una missione di 60 giorni in cui i partecipanti dovranno esaminare alcuni tra i più rilevanti Food Innovation Hub al mondo.

Questi giovani talenti, provenienti da diverse formazioni accademiche, sono affiancati da docenti provenienti dai più importanti atenei internazionali, per esplorare e identificare le tecnologie critiche per l’agricoltura, la distribuzione del cibo, il retail e il consumo, così come la diffusione e lo sviluppo di innovazioni radicali nell’industria del food.

Cos’è e come si svolge la Food Innovation Global Mission?

La Food Innovation Global Mission è un progetto della durata di 60 giorni che tocca i principali food tech hub del mondo: Amsterdam, Madrid, Valencia, Berlino, Toronto, New York, San Francisco, Tokyo, Hong Kong, Shanghai, Mumbai e Bangkok.

In questi due mesi 16 studenti-ricercatori di 10 nazionalità saranno chiamati a incontrare aziende, startup, makers, scienziati, rappresentanti istituzionali e a visitare Fablab, Università, centri di ricerca, cluster scientifici e tecnologici. Obiettivo: promuovere un approccio più sostenibile e consapevole all’alimentazione, sviluppare nuove tecnologie e innovazioni nel settore alimentare, rafforzare il collegamento tra mondo della formazione, mondo della ricerca/innovazione, mondo makers e mondo delle imprese.

I temi principali su cui si concentra la ricerca della delegazione del Food Innovation Program sono:

  • sostenibilità ed economia circolare;
  • futuro delle proteine;
  • innovazione agricola in contesti rurali e urbani sempre più “smart”;
  • il futuro dei food service.

Ognuno di questi temi sarà il fulcro di una pubblicazione di approfondimento e di una collana di documentari. Il tour, che parte da Bologna il 12 maggio, è altresì l’occasione per promuovere il Made in Italy gastronomico a livello globale, sostenendo le aziende del nostro paese che si stanno lanciando nello sviluppo internazionale. I risultati della Food Innovation Global Mission saranno presentati durante l’edizione 2018 di Maker Faire di Roma, in programma dal 12 al 14 Ottobre.

 

La delegazione del Food Innovation Program:

  1. Alejandra Ramirez Troncoso (Colombia): Designer
  2. Amr Ahmed Ahmed Elshahawey (Egypt): Social media influencer, celebrity chef
  3. Ashleigh Jade Forster (South Africa): Food Scientist
  4. Auriane Borremans (Belgium) Hotel and Tourism management and Culinary Leadership Innovation expert
  5. Anusha Murthy (India): Engineer food expert
  6. Bernadette Nikole Maligalig (Philippines): Food Scientist
  7. Diana Moreno (Colombia): Designer
  8. Christopher Howard Paige (USA): Food Lawyer
  9. Elizabeth Yorke (India): Culinary Artist
  10. Farah Al-nahhas (Jordan): Culinary Artist
  11. Julia Dalmadi (Hungary): Food Entrepreneur
  12. Kerong Wang (China): Biotechnologist with specialization in Toxicology
  13. Ladeji Abimbola (Nigeria): Psychologist and Entrepreneur
  14. Lise Van Wijk (South Africa): Food Scientist
  15. Murray Elphick (South Africa): Food Scientist
  16. Zachary Porges (USA): Food International Entrepreneur

 

I Team Leaders:

  • Sara Roversi (Italy): Founder of Future Food Institute – Head of the Food Innovation Global Mission
  • Matteo Vignoli (Italy): Food Innovation Program Director – Trustee of the Food Innovation Program
  • Claudia Laricchia (Italy): Future Food Institute – Head of Institutional Relations & Global Strategic Partnerships
  • Beatriz Jacoste Lozano (Spain): gastro diplomat – FIGM team leader
  • Simona Grande (Italy): Food Makers Expert – Social Innovator – FIGM team leader e media coordinator
  • Chiara Cecchini (Italy-USA): co-founder Future Food US – program manager

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campo obbligatorio