Ripartiamo dalle idee

corriere della sera ripartiamo dalle idee

Inizio questo post del dopo-vacanze con uno spunto e una riflessione per le aziende produttrici di food, per i colleghi di agenzie di comunicazione, marketing e creatività e per le istituzioni competenti.

Faccio seguito all’iniziativa partita qualche mese fa “Ripartiamo dalla idee” messa in campo dalla SDA Bocconi, Corriere delle Sera e Armando Testa per reagire alla crisi sfruttando il patrimonio italiano di idee ed eccellenze.

Troppo spesso durante le mie giornate di lavoro mi interfaccio con fornitori, clienti, persone che generalizzano sulla crisi, sulle problematiche economiche dell’Italia, su tutto ciò che non funziona nel paese e questo mi porta a riflettere e a fare delle considerazioni anche su tutto ciò che abbiamo noi di unico e inimitabile, che troppo spesso non sappiamo sfruttare, imitando semplicemente ciò che succede al di fuori, perdendo di vista ciò che ci contraddistingue e che costituisce un patrimonio unico.

Parlo del nostro cibo, della cultura legata a un prodotto, a un piatto, a un vino, al territorio, all’ospitalità, parlo del calore che le persone mettono nella creazione di prodotti da vero godimento sensoriale, parlo di ristoranti e hotel ricavati in ambienti con millenni di storia, in cui si coniugano sapientemente design, innovazione, tradizione e bellezze artistiche, parlo del nostro artigianato, del nostro senso estetico, del nostro gusto per le cose belle e buone, dei nostri colori e sapori… in una parola (ormai stra-usata) parlo del MADE IN ITALY.

Made in Italy

I francesi sono bravi a valorizzare tutto ciò che hanno perché amano il proprio patrimonio e la propria terra, perché sono meno criticoni e disfattisti di noi italiani. Lo so, sembra retorico, ma quando giro per l’Italia e vedo ciò che abbiamo e come non riusciamo a valorizzarlo mi sento male e mi domando perché ci preoccupiamo della crisi se non siamo nemmeno in grado di sfruttare ciò che di unico e di inimitabile abbiamo per essere competitivi.

Con questo post voglio sottolineare l’importanza delle idee e di metterci in gioco unendo le competenze. Dovremmo aggiungere ai nostri prodotti di altissima qualità le componenti del packaging design, del web, della comunicazione, le leve del marketing, degli opportuni materiali  a supporto delle vendita, per farci trovare e acquistare, per raccontare la storia e la cultura che c’è dietro ad un prodotto, per regalare ai nostri clienti delle esperienze e delle emozioni tutte italiane.

Vorrei citare a questo proposito l’ormai noto successo imprenditoriale di GROM, che in un paese come l’Italia, pieno di gelaterie, è riuscito a creare una catena di qualità partendo da un’idea e dalla voglia di realizzare un sogno. Ricordiamo che come questi due giovani imprenditori anche noi possiamo fare ripartire la macchina Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*