Food design – Salone del Mobile 2011

Si è appena conclusa l’edizione 2011 del Salone del Mobile che anche quest’anno ha visto il cibo protagonista di numerosi eventi del Fuori Salone. Gli avvenimenti sono stati davvero tanti e hanno coinvolto il design, la creatività e ci sono stati eventi esperienziali molto interessanti.

Segnaliamo in zona Tortona l’area Food Terminal creata all’interno dell’area coperta della Fabbrica del Vapore. Composto da tre format (Food Designer Paolo Barichella – gestione Enocultura), il Food Terminal sviluppa all’interno dell’area nuovi Concept secondo tematiche contemporanee dell’ambito food, mostrando come il design può essere strumento efficace per interpretare i mutamenti del settore nell’epoca contemporanea, facendo vivere al visitatori in anteprima approcci dell’alimentazione che presto affronterà, in varie declinazioni come fruibilità, formati e interfacce di prodotto.

Un’altra iniziativa il Coffee Design Shop: dopo un’attenta analisi di come si è trasformato il rito del caffè nel settore domestico, attraverso il recente e rapido passaggio dalla Moka alla macchina a capsule per espresso si propone un rivoluzionario approccio partecipativo alla caffetteria, ribaltando la fruibilità della preparazione e del servizio della classica caffetteria. Una nuova experience legata al momento del caffè, con punti educational per imparare a preparare in pochi secondi un caffè speciale o un dessert d’impatto per sé o per amici e clienti.

Nuovi format, nuovi abitudini di acquisto e consumo si delineano in funzione dell’interpretazione delle nuove esigenze che la società moderna evidenzia a seguito di nuovi modelli e abitudini comportamentali. Ecco quindi nuovi concept, formati e interfacce di prodotto che si adattano ai moderni trend che il settore del food svilupperà nel prossimo futuro attraverso il design.

Infine segnaliamo l’iniziativa di comunicazione e le nuove applicazioni per Veuve Clicquot che per il settimo anno propone la yellow week in occasione del Salone. Quest’anno sono state distribuite le Yellow Map, pratiche mappe tascabili che mettono in risalto le tappe fondamentali del circuito Veuve Clicquot. Da segnalare anche la Yellow Line che ha attraversato Milano con Clicquot on the Move, la Boutique de Champagne itinerante, totalmente personalizzata con i colori del brand e una versione interattiva della Yellow Map attraverso la nuova applicazione per Smartphone, scaricabile gratuitamente su yellowexperience.it. Questa applicazione ha permesso di seguire gli eventi, trovare le location e di creare un’agenda personale per vivere una settimana in Giallo Clicquot.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*